Passeggiata nell’arte contemporanea: un’esposizione all’aperto offerta dalla Würth Collection

Passeggiata nell’arte contemporanea: un’esposizione all’aperto offerta dalla Würth Collection

A Salisburgo, un giardino pubblico di sculture riunisce varie opere di artisti di fama internazionale: il “Walk of Modern Art” è in prestito permanente dalla Würth Collection. Ecco quale opera d’arte è diventata un punto di riferimento per la città di Mozart e per il Festival di Salisburgo.

Anselm Kiefer, Stephan Balkenhol, Marina Abramovic, Erwin Wurm: il “Walk of Modern Art” di Salisburgo, in prestito permanente dalla Würth Collection della città di Mozart, riunisce sculture di artisti rinomati per una passeggiata artistica. Quando si pensa a Salisburgo, di solito si pensa alle composizioni di Mozart e ai festival all’aperto, alla via dello shopping Getreidegasse o al castello di Hellbrunn.

FIGURA MASCHILE IN PIEDI SU UNA SFERA D'ORO - STEPHAN BALKENHOL, 2007
Figura maschile in piedi su una sfera d'oro, creata dallo scultore tedesco Stephan Balkenhol, uno dei luoghi più fotografati di Salisburgo, 2007

Ma c’è un’altra attrazione da scoprire nel centro della città: il “Walk of Modern Art”, un circuito di sculture con 14 opere di acclamati artisti contemporanei. “The Language of the Birds” di Anselm Kiefer, un paio di ali alte quattro metri, attira l’attenzione dall’aprile 2019 nel cortile del parlamento statale di Salisburgo. La massiccia figura in bronzo è l’ultima aggiunta alla “Walk of Modern Art”. Sia Kiefer che il Prof. Dr. h. c. mult. Reinhold Würth, presidente dei fondi familiari del gruppo Würth, hanno partecipato alla presentazione: nel 2013, la Collezione Würth ha rilevato il “Walk of Modern Art”, rendendo il circuito di sculture aperto alla città di Salisburgo in modo permanente.

Reinhold Würth ha sempre avuto un debole per l’Austria e per i suoi artisti. La Collezione Würth contiene un totale di oltre 18.000 opere d’arte, inclusa quella che è probabilmente la più grande collezione di arte austriaca del XX e XXI secolo al di fuori del paese alpino.

Salisburgo, la città di Mozart, è un luogo molto speciale per gli amanti dell’arte e della musica di tutto il mondo, tra cui Reinhold Würth, sua moglie Carmen e l’intera famiglia Würth. Il “Walk of Modern Art” funge da unico “palcoscenico all’aperto” per la collezione Würth. Rendere l’arte e la cultura accessibili al pubblico è una questione di grande importanza per il mecenate.

UNA SCULTURA LUNGA DI UNDICI METRI - MANFRED WAKOLBINGER, 2011
Una scultura di undici metri dello scultore austriaco Manfred Wakolbinger, la cui forma curva richiama il fiume, 2011

Il circuito delle sculture è il frutto del decennale “Salzburg Art Project”, iniziativa della Fondazione Salisburgo in collaborazione con la Fondazione per l’Arte e la Cultura di Bonn. Dal 2002 al 2011, gli artisti sono stati successivamente invitati a creare il proprio contributo artistico individuale al progetto. Nel 2017, il “blocco berlinese” è stato aggiunto nei Giardini Mirabell da Georg Trieb, un artista tedesco-austriaco che vive a Salisburgo.

SPIRIT OF MOZART - IN ACCIAIO INOSSIDABILE - MARINA ABRAMOVIC, 2004
Spirit of Mozart - sedie in acciaio inossidabile dall'artista serba Marina Abramovic, 2004

Le 14 opere della mostra “Walk of Modern Art” sono sparse per le vie del centro della città e sono molto diverse fra loro, quasi quanto i loro creatori. Alcuni esempi: l’artista serba Marina Abramovic, diventata famosa per le sue performance spettacolari, ha creato una scultura interattiva chiamata “Spirit of Mozart” da un insieme di sedie in acciaio inossidabile vicino al ponte Staatsbrücke. Una sedia alta 15 metri è circondata da altri otto posti a sedere, che possono essere utilizzati dagli osservatori. Invitano gli ospiti a soffermarsi e fermarsi un momento nella frenetica città.

Sphaera”, una scultura dello scultore tedesco Stephan Balkenhol in piazza Kapitelplatz, raffigura una figura maschile a grandezza naturale in piedi su una sfera dorata di due tonnellate, con un diametro di cinque metri. Con i suoi 9 metri di altezza totale (compreso il piedistallo) e con il suo splendore, l’opera passa difficilmente inosservata. La controparte femminile alta 1,4 metri nel cortile del Toscaninihof porta il nome “Woman in the Rock”. “Sphaera” è diventata un punto di riferimento per Salisburgo ed è uno dei posti di Salisburgo più fotografati, anche su Instagram.

Inizialmente, i cinque “cetriolini” verdi a grandezza umana di Erwin Wurm nel Furtwängler Park non furono accolti con molto affetto dai cittadini di Salisburgo. Nel suo lavoro, l’artista austriaco eleva un oggetto quotidiano in un’opera d’arte. Per inciso, gli piace anche dipingere se stesso come un sottaceto.

“Ciò che mi affascina di più è la sua forma semplice”, ha detto l’artista, noto per il suo sottile senso dell’umorismo, in un’intervista.

L’artista austriaco Manfred Wakolbinger ha collocato la sua scultura “Connection” di undici metri su una piazza accanto al molo Rudolfskai tra le mura della città vecchia e il fiume Salzach, un tempo arido fiancheggiato da una strada trafficata. L’artista catalano Jaume Plensa ha scelto per “Awilda“, un’enorme testa di marmo, il Dietrichsruh, un enorme cortile interno del Palazzo Residenz Salzburg, un punto d’incontro per studenti di tutto il mondo.

AWILDA – JAUME PLENSA, 2010
AWILDA - una testa in marmo spagnolo dall'artista catalano Jaume Plensa, 2010

La città di Salisburgo ha amato molto il prestito permanente della Collezione Würth.

“La Walk of Modern Art è un’attrazione unica per tutti i visitatori della città. Le 14 opere d’arte sono sul palcoscenico pubblico, accessibili a tutti e forniscono nuovi approcci all’arte contemporanea in modo quasi giocoso “, afferma Herbert Brugger, amministratore di Salzburg Tourismus GmbH, riguardo al circuito di sculture che si è evoluto in un’attrazione turistica.

Reinhold Würth è stato insignito dell’Anello della città di Salisburgo nel 2015 e della Decorazione del Land Salzburg nel 2019 per il suo impegno: un simbolo di gratitudine al patrono delle arti, che considera Salisburgo la sua seconda casa.

GHERKINS – ERWIN WURM, 2011
GHERKINS - una fila di cinque cetrioli dell'artista austriaco Erwin Wurm, 2011

Würth e l’Austria: un legame artistico indissolubile

A parte il “Walk of Modern Art”, sono diverse le opere della Collezione Würth da vedere negli spazi pubblici. Nel 2015 è stato inaugurato il Würth Sculpture Garden presso il castello di Arenberg a Salisburgo.

La Collezione Würth collabora regolarmente con i musei austriaci, la mostra “Siegfried Anzinger: uno sguardo indietro e in avanti” è stata esposta nel 2019 al Museum Würth di Künzelsau. Inoltre, Würth sostiene da decenni il Festival di Salisburgo e numerosi progetti individuali nel campo della musica, del teatro e delle arti visive.

Salisburgo Walk of Modern Art - Luoghi delle opere