Bonus Mobili e grandi Elettrodomestici: la legge di Bilancio 2022 lo proroga fino a tutto il 2024

La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato fino a tutto il 2024 il Bonus Mobili e grandi Elettrodomestici, un’agevolazione fiscale molto apprezzata dai contribuenti e legata a doppio filo al Bonus Ristrutturazioni.

Non è possibile utilizzare il Bonus Mobili ed Elettrodomestici senza aver prima eseguito lavori di ristrutturazione sull’immobile.

Bonus Mobili ed Elettrodomestici: come funziona la detrazione fiscale

Fino al 31 dicembre 2024 è previsto uno sgravio fiscale del 50% per i contribuenti che hanno iniziato la ristrutturazione del proprio immobile a partire dal 1° gennaio 2020 e che, dopo aver eseguito lavori, acquistano nuovi arredi, mobili (a incasso e non) e grandi elettrodomestici, per una spesa massima che nel 2022 è di 10.000 euro, mentre nel 2023 e 2024 è di 5.000 euro.

Quali sono i requisiti per accedere al Bonus Mobili ed Elettrodomestici?

  • Gli elettrodomestici devono essere almeno di classe energetica A+ (A per i forni e lavasciuga)
  • I lavori di ristrutturazione devono essere tra quelli agevolabili dal Bonus Ristrutturazioni sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali
  • Possono beneficiare dell’agevolazione i proprietari, i titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sopportano le spese, gli inquilini e i comodatari
  • La detrazione totale spettante deve essere divisa in 10 quote annuali di pari importo
  • I mobili e gli elettrodomestici devono essere pagati mediante bonifico o carte di credito o di debito

Bonus Mobili ed Elettrodomestici: quali beni vi rientrano?

L’Agenzia delle Entrate ricorda che nel Bonus Mobili ed Elettrodomestici rientrano i seguenti beni:

Mobili nuovi:

  • letti e comodini
  • armadi e cassettiere
  • librerie
  • scrivanie
  • tavoli e sedie
  • divani e poltrone
  • credenze
  • materassi
  • apparecchi di illuminazione

Elettrodomestici nuovi:

  • frigoriferi e congelatori
  • lavatrici, lavasciuga e asciugatrici
  • lavastoviglie
  • apparecchi per la cottura
  • stufe elettriche
  • forni a microonde
  • piastre riscaldanti elettriche
  • apparecchi elettrici di riscaldamento
  • radiatori elettrici
  • ventilatori elettrici
  • apparecchi per il condizionamento

Non sono agevolabili gli acquisti di porte, pavimentazioni (come il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo.

Per maggiori informazioni sul Bonus Mobili ed Elettrodomestici rimandiamo alle Guide dell’Agenzia delle Entrate per il Bonus Mobili ed Elettrodomestici.

Consulta anche gli altri approfondimenti sulle agevolazioni fiscali utili ad artigiani e imprese.