Città nel 2050: come saranno le città nel futuro?

Sbirciare nel futuro è l’esercizio preferito di progettisti, designer e non solo. Dall’Esposizione colombiana di Chicago del 1893 alle due fiere mondiali di New York (1939 e 1965) e in seguito, il futuro è stato immaginato con ottimismo: pieno di tecnologia e architettura interessanti. Ma non tutte le visioni del futuro erano così speranzose. Il romanzo distopico di George Orwell “Nineteen Eighty-Four” (pubblicato nel 1949) ha guardato avanti di 35 anni e ha dipinto una visione non così rosea. Come pensiamo sarà il futuro tra 30 anni o giù di lì? E come saranno le città nel 2050?

Popolazione: il 2050 sarà più denso, più grande e più vecchio

Secondo gli Stati Uniti Census Bureau, Nazioni Unite, Pew Research e altre fonti, la popolazione degli Stati Uniti crescerà fino a 438 milioni di persone entro il 2050, un aumento del 35% rispetto alla nostra popolazione. La popolazione globale raggiungerà i 9,7 miliardi entro il 2050. Oltre il 75% delle persone vivrà in città e nelle aree urbanizzate (rispetto al 50% nel 2008).

Si prevede che la durata della vita e l’età media della popolazione aumenteranno. L’ONU prevede che gli Stati Uniti l’età media sarà di 41 anni entro il 2050. Potrebbe non sembrare molto, ma l’aumento dell’età media è direttamente attribuibile al secondo segmento di popolazione in più rapida crescita, quelli di età pari o superiore a 65 anni. E quei futuri anziani sono i Millennial e la Generazione Z di oggi.

Mobilità: il 2050 sarà più multimodale e meno dipendente dalle auto

Camminare

Le città più dense rendono il camminare la modalità più semplice per spostarsi per molte persone. Il 2050 potrebbe effettivamente avere quartieri percorribili a piedi come quelli tra l’inizio e la prima metà del XX secolo. E questo include le periferie di oggi, che mostrano un rinnovato interesse per i tradizionali principi urbani di uso misto, pedonabilità e densità. Entro il 2050, molti di quei sobborghi avranno 100 anni (o più vecchi) e si saranno evoluti in aree autonome, a uso misto, urbanizzate.

Automobili

Se le tendenze attuali dovessero continuare, la proprietà di auto nel 2050 dovrebbe diminuire a favore del car sharing, dei veicoli autonomi e di altre tecnologie dirompenti. E le nostre vite non si baseranno esclusivamente sulle auto per la mobilità.

Aerei, treni

Gli aeroporti continueranno a far parte dei nostri piani di viaggio a lunga distanza, ma ci saranno altre opzioni. I progetti ferroviari ad alta velocità stanno accelerando (gioco di parole) negli Stati Uniti e altre forme (Hyperloop?) hanno il potenziale per offrire ai viaggiatori opzioni uniche e competitive. I centri abitati ad alta densità rendono queste modalità più praticabili.

Veicoli volanti

Forse il 2050 vedrà davvero gli inizi dell’auto volante autonoma? Questa non è fantascienza, sono già in corso ricerche in numerosi paesi per questo prossimo salto di mobilità. Il Dipartimento dei Trasporti Americano sta attualmente lavorando alle linee guida tecniche per questa nuova tecnologia. E in meno di 3 anni, “Uber Elevate” dovrebbe essere operativo sia a Dubai che a Dallas. Le auto volanti potrebbero non essere disponibili per tutti entro il 2050, ma potrebbero essere una delle tante scelte di trasporto future.

Architettura

Non è irragionevole che un edificio abbia una durata di vita di 30 anni o più. Quindi i nuovi edifici di oggi in costruzione saranno componenti importanti del nostro ambiente del 2050. Il design architettonico cambierà senza dubbio nei prossimi 33 anni, quindi aspettati che le nostre città siano un mix di vecchio e nuovo, proprio come lo sono oggi.

Edifici polifunzionali

Ci aspettiamo meno edifici monolitici (monouso). Gli edifici per gli uffici di oggi possono trasformarsi in “quartieri” verticali con 3 o più usi in ogni edificio. I grattacieli di uffici potrebbero trasformarsi in una combinazione di uffici, residenze, negozi e persino spazi educativi. Questo sta già accadendo nelle città più popolose del mondo!

Nuovi uffici e vendita al dettaglio

Dato il bisogno umano fondamentale di interazione e connessioni sociali, gli uffici possono ancora esistere, ma forse in una combinazione di uffici tradizionali, spazi di co-working, telelavoro, hotel o qualsiasi combinazione di questi (e altro ancora). E la vendita al dettaglio? Bene, non è un segreto che il settore della vendita al dettaglio stia attualmente subendo una massiccia trasformazione. Il modo in cui si reinventa è ancora oggetto di dibattito, ma dovrebbe esserci una continua necessità di spazi commerciali che uniscano le persone. Magari anche un ritorno a una maggiore specializzazione e al punto vendita locale (panetteria, enoteca, ecc.), abbinato a servizi di consegna con i droni, già testato in diverse parti del mondo.

Infrastrutture

Sostenere la popolazione in grande crescita richiederà massicci reinvestimenti nelle attuali infrastrutture: acqua, fognature, drenaggio, energia elettrica, telecomunicazioni, ecc. E se ci affidiamo ai sistemi di consegna di oggi, l’impronta di carbonio aumenterà esponenzialmente, anche con modelli di sviluppo più densi. Le infrastrutture americane devono evolversi per essere più efficienti, flessibili e decentralizzate.

Prendi l’energia elettrica. Oggi, migliaia di case generano già la propria elettricità tramite energia solare, eolica o geotermica e stanno rivendendo alla rete i kilowattora inutilizzati. Questo è interessante per i proprietari di case e aiuta a decentralizzare la nostra vecchia rete elettrica. Decentrare anche una piccola porzione della rete potrebbe avere significativi risparmi sui costi e benefici ambientali rispetto alla costruzione di nuove centrali elettriche. E i continui miglioramenti nell’efficienza delle celle solari lo rendono ogni giorno più interessante, soprattutto considerando il nostro desiderio di più dispositivi digitali che richiedono la ricarica.

I miglioramenti nella raccolta dell’acqua piovana e nei piccoli “impianti discontinui” di fognature sanitarie possono avere impatti positivi simili sui sistemi di drenaggio e fognatura. Allo stesso tempo, saranno necessari nuovi investimenti nella nostra infrastruttura per fornire servizi idrici, fognari e di drenaggio.

Come saranno le città del futuro?

Conclusione

Alla fine della giornata, non esiste una visione univoca di come saranno le città in futuro. Dai un’occhiata in giro: le città nel 2021 sono tutte uniche e diverse. Lo stesso livello di diversità locale, combinato con una sovrapposizione di nuove tecnologie e opportunità ci aspetta fra 30 anni.