Come abbiamo supportato Infissi Goldoni per ottenere il Marchio Posa Qualità

Infissi Goldoni S.r.l. ha sede a Mirandola (MO) e opera nel mercato dei serramenti da oltre 50 anni. Grazie all’esperienza maturata, ad un’organizzazione in grado di fornire una propria produzione molto valida sia per i materiali impiegati che per le tecnologie, si colloca in una posizione d’assoluto rilievo fra le aziende di costruzione ed installazione di serramenti.

Infissi Goldoni s.r.l. ha scelto di aderire al Marchio Posa Qualità, facendosi supportare da Würth. Quello che vogliamo mettere in luce qui è l’ottimo risultato ottenuto dalle prove in cantiere in merito ad una ristrutturazione di un edificio esistente: parliamo quindi di un Blower Door Test.

Abbiamo posto alcune domande a riguardo a Marco GoldoniSocio amministratore.

Di cosa si occupa Infissi Goldoni?

Operiamo nella produzione e nell’installazione di serramenti in vari ambiti, quindi nel settore Civile, Industriale, Opere Pubbliche, Biomedicale e Bancario.

Come è iniziato il rapporto con Würth?

Da diversi anni collaboriamo con Würth come clienti. Acquistiamo materiale di consumo sia per quanto riguarda la produzione che per la posa dei serramenti.

Abbiamo aderito al Marchio Posa Qualità per migliorare le nostre fasi di installazione a garanzia del cliente e presentarci in modo distintivo sul mercato rispetto ai concorrenti.
Würth ci è stata di supporto con la validazione progettuale delle applicazioni specifiche.

marchio posa qualità infissi goldoni

Quali prodotti di Würth utilizzate normalmente?

Utilizziamo prodotti specifici per la produzione e la posa del serramento. Facciamo uso di varie tipologie e misure di rivetti, viti truciolari, viti per fissaggio distanziato come le Amo® III. Utilizziamo vostri ancoranti chimici come il WIT-VM 250 e siliconi specifici per i serramenti. Per la posa adoperiamo i nastri sigillanti VKP Basic e Plus e altri prodotti ovviamente, come la schiuma poliuretanica e articoli specifici per la pulizia.

Perché avete scelto di aderire al Marchio Posa Qualità? Qual è la prerogativa più bella del marchio?

Per migliorare le nostre fasi di installazione a garanzia del cliente e presentarci in modo distintivo sul mercato rispetto ai concorrenti. La prerogativa migliore è la garanzia, che è dimostrabile in modo tangibile al cliente.

Come vi abbiamo supportato per ottenere il marchio Posa Qualità Serramenti?

Würth ci è stata di supporto con la validazione progettuale delle applicazioni specifiche.

Sappiamo che avete fatte delle prove in cantiere con il Marchio Posa Qualità: ci descrivi la vostra esperienza? Come sono andate? Che tipologia di intervento avete fatto?

Sì, abbiamo effettuato il rapporto di prova su un edificio residenziale oggetto di una ristrutturazione. Il serramento verificato si componeva di tre elementi: il controtelaio, la gestione del giunto secondario e la gestione del giunto primario.
Le prove eseguite e i risultati conseguiti secondo UNI 11673-4:2021 hanno stabilito che per le infiltrazioni di aria, il rapporto di congruenza con la classe di permeabilità dell’aria dichiarata secondo UNI EN 12207 con valutazione a 50 Pa ha avuto esito Positivo. Per l’isolamento termico il test ha stabilito l’assenza di ponti termici conduttivi significativi connessi all’installazione del serramento. Quindi abbiamo ottenuto la Dichiarazione CE di conformità per finestre e porte pedonale esterne UNI EN 14351-1+A2:2016. 

L’aspetto più importante di questa prova è stato quello di ottenere degli eccellenti risultati su un intervento di sostituzione: come si vede dai disegni a fianco la scelta è stata quella di andare in sormonto su un vecchio telaio. Quest’ultimo è diventato il nostro nuovo controtelaio, che è stato protetto con una pellicola freno vapore dal lato interno Eurasol Plus su tutti e quattro i lati.

Per quanto riguarda il montaggio del serramento abbiamo utilizzato i nastri autoespandenti VKP PIU in battuta per la tenuta vento e pioggia traspirante e il nastro autoespandente VKP 3 per la tenuta freno vapore lato interno e barriera termoacustica.

Per quanto riguarda il nodo inferiore abbiamo utilizzato il nastro a celle chiuse per la perfetta tenuta all’acqua stagnante ed una sigillatura esterna ottimale.