Considerazioni sulla certificazione dei posatori di serramenti a 2 anni dalla pubblicazione della norma UNI 11673-2

Nell’articolo di Ingenio “La certificazione dei posatori di serramenti, in accordo alla norma UNI 11673‑2” a firma del Direttore CERTI.S Ingegnere Roberto Baldo e dell’Architetto Stefano Gilardone, si mettono in luce alcuni aspetti a due anni dalla pubblicazione della norma che definisce i requisiti relativi all’attività professionale del posatore di serramenti.

Un primo dato significativo è quello relativo al numero di figure professionali certificate presenti nel database di Accredia, l’Ente Italiano di Accreditamento: quasi 9.000.

Sulla base dei risultati ottenuti in più di 1.500 esami condotti da CERTI.S, si riportano luci ed ombre sulla formazione dei posatori, che non sono ovviamente rappresentative della categoria, ma che sono emerse in maniera chiara. Il tutto condensato in tre giudizi:

  • Buono, per la preparazione tecnica, che generalmente non presenta lacune sostanziali;
  • Appena sufficiente, per la conoscenza del D. Legislativo 81/08;
  • Ottimo, per l’attitudine al problem solving.

Un aspetto a cui prestare attenzione è poi quello del mantenimento della certificazione, che comprende anche l’accettazione del codice deontologico riferito all’appendice A della norma UNI 11673-2, dedicata agli aspetti etici e deontologici.

All’interno del codice deontologico è richiesto l’impegno del posatore di serramenti del rispetto delle norme e disposizioni legislative di comportamento professionale per contribuire al corretto agire, al corretto relazionarsi, al rispetto delle altre parti e alla buona immagine di tutti gli operatori del settore. Ogni soggetto certificato è tenuto alla conoscenza di questi criteri e dichiara di impegnarsi nella loro applicazione.

L’organismo di certificazione ha inoltre il compito di “sorvegliare” che il comportamento del professionista sia in linea con quanto espresso nel codice deontologico, mettendo anche a disposizione di tutti la possibilità di inviare segnalazioni relative all’operato delle figure che ha certificato, con la verifica diretta nel caso di segnalazioni circostanziate di comportamenti non conformi al codice deontologico.

L’impegno di Würth Italia nell’ambito della certificazione

Corsi posa qualificata serramento Würth

Come abbiamo sottolineato in più occasioni anche noi, sono state le norme UNI 11673-2 e UNI 11673-3 a inquadrare rispettivamente le attività professionali che possono essere ufficialmente certificate e i relativi requisiti e contenuti per la formazione.

Con la pubblicazione di queste due norme sono nate quindi le figure professionali di:

  • Posatore/Installatore Senior EQF3
  • Posatore/installatore Caposquadra EQF4

Abbiamo predisposto in tale ottica dei corsi che preparano per sostenere l’esame da posatore/installatore Senior EQF3 e da posatore/installatore Caposquadra EQF4: il patentino che si ottiene una volta superato l’esame è di fatto una qualifica professionale certificata attraverso un accreditamento.

Per quanto riguarda il mantenimento della certificazione conseguita, Würth propone un corso di formazione online che si sviluppa su 8 ore (due mattine) per il livello senior EQF3 e su 12 ore (una terza mattina in più) per il livello caposquadra EQF4.

    Contattaci per saperne di più!

    Hai bisogno di maggiori informazioni sui nostri servizi per i serramentisti?
    Compila il form per essere ricontattato a breve da un referente Würth.


    *campi obbligatori