Carbonatazione del calcestruzzo: malte e rasanti per il risanamento terrazze e balconi

Eseguire interventi di risanamento strutturale negli edifici e di cura nelle nuove costruzioni è importante soprattutto in zone umide o molto soggette alle intemperie. Ti suggeriamo di utilizzare prodotti di qualità dei materiali a determinare la risoluzione (o la prevenzione) dei problemi che possono colpire un edificio, come la carbonatazione del calcestruzzo e l’umidità di risalita. In questi casi, Würth offre i sistemi Rinnova R e Rinnova D, costituiti da malte per il risanamento del calcestruzzo pronte all’uso.

Malta e rasante contro carbonatazione: il sistema Rinnova R

Malta e rasante contro l’umidità di risalita: il sistema Rinnova D

La carbonatazione del Calcestruzzo: malte tecniche e rasanti per ripristinare l’intonaco

Il tempo e l’azione delle intemperie possono arrecare danni anche seri al calcestruzzo. Uno dei più comuni è la cosiddetta carbonatazione. Che cosa intendiamo per carbonatazione intonaco e quando si verifica?

La carbonatazione è un processo chimico per cui una sostanza, in presenza di anidride carbonica, dà luogo alla formazione di carbonati. Nel calcestruzzo armato la carbonatazione ha un effetto negativo e rappresenta una delle principali cause di degrado del materiale.

Infatti, soprattutto se di qualità non ottimale, il calcestruzzo può lasciar penetrare agenti corrosivi, come aria e acqua piovana, capaci di aggredire i ferri d’armatura. La carbonatazione dell’armatura, che è fonte di quella che più banalmente tutti chiamiamo ruggine, intacca il copriferro e ne danneggia le qualità strutturali, fino a provocare il distacco.

Perciò è chiaro quanto sia importante intervenire con urgenza sui frontalini dei balconi e sugli spigoli delle strutture più esposte, dove tipicamente si verifica questo tipo di problema. La soluzione consiste:

  • nell’asportare i volumi danneggiati
  • nel pulire perfettamente l’armatura
  • quindi nel passivarla con un prodotto specifico
  • infine, nel ricostruire le parti trattate con malte tecniche strutturali che ripristinino il copriferro.

Sistema Rinnova R | Malte per risolvere la carbonatazione

Rinnova R è un sistema completo per eseguire un ciclo di risanamento del calcestruzzo degradato, composto da malte e rasanti tissotropici, a elevata lavorabilità e conformi alla norma europea EN 1504.

  • Malta e rasante tissotropico: non cola, agevolando l’intervento dell’applicatore per un risultato ottimale
  • Prodotto R3: malta strutturale grazie all’elevata resistenza alla compressione. Diversamente da un R4, Rinnova R offre una migliore compatibilità con la maggior parte dei supporti
  • Alta resistenza ai solfati: ideale anche per riparazioni di superfici a diretto contatto con l’acqua, come canali o condutture.

I prodotti del sistema Rinnova R:

Malta anticorrosione
Rinnova R Armatura

Art. 0893 210 170

MALTA DA RIPRISTINO RINNOVA R TISSOTROPICA

Malta da ripristino
tissotropica

Art. 0890 350 26

MALTA DA RIPRISTINO RINNOVA R FINITURA

Malta da ripristino
tissotropica finitura

Art. 0890 350 23

Malta monocomponente per la protezione dei ferri di armatura: anticorrosione, barriera alla CO2 e promotore di adesione

Il Rinnova R Armatura è un monocomponente per la passivazione dei ferri d’armatura. Grazie alla sua ottima adesione ai ferri di armatura e al calcestruzzo, questo prodotto crea una barriera alcalina altamente impermeabile in grado di bloccare l’ossidazione del ferro e proteggerlo dalla corrosione.
Assicura la perfetta adesione delle malte da ripristino al sottofondo. Questo prodotto costituisce la prima fase di un ciclo di ripristino del calcestruzzo degradato e aumenta l’adesione nelle riprese di getto.

Passivante FerroProtect per proteggere i ferri d’armatura da ossidazione e corrosione

Anche il Passivante FerroProtect è un monocomponente per la passivazione dei ferri d’armatura. Dopo l’applicazione a pennello, crea una barriera alcalina altamente impermeabile in grado di bloccare l’ossidazione del ferro e proteggerlo dalla corrosione.

Costituisce la prima fase di un più ampio ciclo di ripristino del calcestruzzo. Per una prestazione ottimale, consigliamo di proseguire con le malte Rinnova R Tissotropica e Rinnova R Finitura. In ogni caso, FerroProtect può essere usato con qualsiasi altro prodotto cementizio omologato.

Come usare il protettivo anticorrosione FerroProtect?

È necessario presentare due fasi preliminari, che sono da un lato la preparazione dell’impasto e dell’altro la preparazione del supporto. Partiremo proprio da quest’ultimo.

L’armatura intaccata dalla corrosione deve essere messa a nudo, per non mettere a rischio la sicurezza statica della struttura. In questo modo potrai applicare i prodotti da ripristino intorno a tutta la superficie del ferro, a 360°.

In questa fase la pulizia è fondamentale. Ricordati di eliminare ruggine ed eventuali incrostazioni o residui di materiale (che potrebbero ridurre l’aderenza della malta tecnica) con sabbiatura o spazzolatura. Ovviamente, evita di danneggiare o sporcare il calcestruzzo circostante.

Se il ferro è contaminato da cloruri o altre sostanze potenzialmente corrosive, allora è necessario pulire l’intera armatura con un getto d’acqua.

In sintesi, l’armatura deve raggiungere un grado di pulizia pari a Sa2 o St3.

Per quanto riguarda la preparazione dell’impasto, ti consigliamo di mescolare FerroProtect con una quantità di acqua non superiore a 2,9 litri per confezione (15 kg) con un miscelatore idoneo continuo per circa 2 minuti fino a quando non otterrai un impasto omogeneo.

Completate queste prime due fasi, applicare a pennello un primo stato di FerroProtect. Dopo aver lasciato riposare per circa 20 minuti, applica una seconda mano fino al raggiungimento di uno spessore complessivo di almeno 2 mm su tutta la superficie del ferro. Quindi attendi circa 48 ore per una completa essiccazione prima di procedere con gli altri prodotti del Sistema Rinnova R.

Consigli per l’applicazione del protettivo anticorrosione FerroProtect: assicurati che la temperatura esterna e quella del supporto non scendano al di sotto di +5° C durante le fasi di lavorazione ed essiccazione. Ovviamente è necessaria una protezione dagli agenti atmosferici (pioggia, vento, gelo o sole battente e diretto) che ne possono influenzare la corretta essiccazione. Il prodotto si conserva in un luogo asciutto fino a 12 mesi.

Malta per risanamento del calcestruzzo Rinnova R

Questo prodotto è ideale per riparare e proteggere strutture portanti in calcestruzzo, come anche di spigoli di pilastri e travi, frontalini di balconi danneggiati. In particolare, puoi usare la Malta da Ripristino Tissotropica per la sostituzione del calcestruzzo contaminato da sostanze nocive. Proprio come quelle rilasciate dall’ossidazione dei ferri di armatura.

Quando usare la Malta da Ripristino Tissotropica Rinnova R? Questo prodotto è adatto per interventi di rinforzo, di integrazione della sezione e aumento dello spessore del copriferro.

Inoltre, è indicato per la riparazione di superfici a diretto contatto con l’acqua (canali di scolo, condutture, ecc.) grazie all’elevata resistenza ai solfati. Così come per la regolarizzazione di difetti superficiali, come nidi di ghiaia, riprese di getto, fori dei distanziatori dei casseri, ferri affioranti, ecc.

Malta da Ripristino Rinnova R – Finitura

A chiudere il ciclo di prodotto del Sistema Rinnova R Würth troviamo la Malta da Ripristino Rinnova R – Finitura, una malta pregiata per riprofilature del calcestruzzo e conforme alla normativa EN1504.

Viene utilizzata per la riparazione e la protezione di strutture portanti in calcestruzzo non soggette a sollecitazioni statiche ed è adatta anche a regolare le superfici che devono essere preparate per la stesura dell’impelast o di altre membrane impermeabilizzanti liquide.

    Contattaci

    Hai bisogno di maggiori informazioni sui prodotti?
    Compila il form per essere ricontattato a breve da un referente Würth.

     

    [honeypot controllocitta-584]

    *campi obbligatori