Innovazione officine e carrozzerie: come cambierà il settore dell’autoriparazione

Cercare l’innovazione per officine, carrozzerie è all’ordine del giorno, ma come cambierà il settore dell’autoriparazione dopo questo periodo?

L’influenza della crisi sul mercato dell’Automotive: ecco cosa faranno officine e carrozzerie

Ogni grande crisi provoca forti stravolgimenti nella società, nella vita delle persone e nelle loro abitudini. Le misure di distanziamento sociale, l’abitudine a stare isolati e la paura di entrare in contatto con altre persone hanno fortemente impattato su molti settori dell’economia italiana.  Una recente indagine condotta tra il 25 e il 27 marzo sul settore Automotive (officine e carrozzerie) rivela che come quasi l’80% degli italiani abbia azzerato o fortemente diminuito la percorrenza in auto settimanale. I km medi percorsi in settimana registrano un – 96%. La maggior parte degli intervistati ha posticipato gli interventi di riparazione a data da destinarsi.

Storicamente però la fine di un’epidemia comporta una rapida ripresa dell’economia, ma è bene essere chiari: il coronavirus non sarà una breve parentesi.

Anche a lungo termine, determinerà in maniera radicale il modo in cui socializzeremo, faremo shopping, lavoreremo o andremo al bar o in officina. Per agganciare la ripresa occorre adeguarsi ai nuovi trend, digitalizzare il proprio business, stare nei luoghi in cui le persone ti cercano (online).

auto - innovazione carrozzeria e officina

L’economia on demand, ossia le transazioni online sempre più frequenti, è già un dato di fatto ed è importante che i professionisti, gli artigiani e le piccole medie imprese conoscano questi trend per non farsi trovare impreparati e cogliere subito le opportunità del mercato.

Come cambierà il nostro modo di viaggiare e quanto saranno importanti officine, carrozzerie e concessionarie?

Ipsos, società di consulenza che si occupa di ricerche di mercato, ha esaminato l’impatto che ha avuto il coronavirus sul settore automotive in Cina, ovvero nell’unico Paese già entrato in una fase post-coronavirus. Dal sondaggio emerge che l’automobile privata è passata dal terzo al primo posto come soluzione di mobilità. Le persone sono meno disposte a prendere i mezzi pubblici (pullman, metro, taxi), mentre l’automobile privata è vista come l’unico mezzo sicuro per spostarsi.

“L’uso dell’auto avrà una valenza anche simbolica. Perché diventerà uno strumento per recuperare la nostra autonomia e per portarci in totale sicurezza verso la ripresa della nostra libertà sociale”.

Scrive Olivier François, Head of Fiat Brand, in un’intervista a Motori 24 – Il Sole 24 ORE

Anche per comprare l’auto si iniziano a preferire soluzioni di acquisto online che limitano lo spostamento da casa e il contatto con altre persone. Chi aveva investito in digitalizzazione e realtà virtuale riesce a stare sul mercato lanciando anche soluzioni interessanti come gli showroom virtuali (ad esempio la nuova Fiat 500 elettrica si ordina esclusivamente online).

Chi andrà in vacanza non prediligerà più mete esotiche e spostamenti con treni o aerei, ma è facile immaginare che per andare in ferie si utilizzerà la propria auto.

Preventivi digitali per i clienti e contatti limitati possono rivoluzionare il business della tua officina?

Continuare a mantenere limitati i contatti fisici porterà a delle naturali conseguenze anche per il mondo dell’Automotive. Per evitare i contagi si sceglierà sempre meno di utilizzare i mezzi pubblici e sempre più di utilizzare un veicolo privato. L’auto tornerà ad essere il principale, se non l’unico mezzo di trasporto degli italiani e come prevede Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto, sempre sulle pagine de Il Sole 24 Ore, “La tendenza sarà di tenersi un anno in più la propria vettura”.

In sintesi, ecco i forti cambiamenti nel settore dell’autoriparazione e le importanti opportunità che dovranno cogliere i professionisti della riparazione auto.

  • Più auto
  • Più km percorsi
  • Maggiore necessità di assistenza
  • Più lavoro per officine, carrozzerie
auto - innovazione carrozzeria e officina

L’equazione è semplice:

Maggior utilizzo dell’auto + Incremento dell’età del parco circolante = + assistenza + lavoro

Alla condizione però, che, come premesso, ci si adegui ai nuovi trend del mercato. Certamente sempre più automobilisti, ormai abituati a consultare servizi online ed acquistare prodotti di prima necessità su portali e-commerce, cercheranno in rete le migliori officine dove riparare l’auto.

Chiederanno dei preventivi prima di venire in officina e magari prediligeranno le officine che offrono dei servizi complementari, ma sempre più desiderati come l’igienizzazione del veicolo (scopri come igienizzare l’automobile dei tuoi clienti con il presidio medico chirurgico >).

Alcuni portali offrono già questo tipo di servizio agli autoriparatori italiani. Primo fra tutti il nostro partner aggiustami.it non prevede costi fissi, vincoli o abbonamenti e grazie ad un innovativo modello di business garantisce nuovi clienti in officina agli autoriparatori iscritti.