5 motivi per cui allestire subito un’infrastruttura di colonnine di ricarica per auto elettriche nella tua officina

La riparazione dei veicoli elettrici è un argomento importante per le officine, per questo vogliamo mostrarti che cosa considerare durante la configurazione di un’infrastruttura di ricarica e approfittare degli incentivi per colonnine ricarica auto elettriche.

La mobilità elettrica arriva anche nella tua officina!

L’e-mobility è l’utilizzo di veicoli a trazione elettrica ed include tutti i veicoli, dalle auto elettriche alle biciclette elettriche. Anche i “veicoli ibridi” sono  contati anche nel campo dell’elettromobilità, poiché sono mossi da almeno un motore elettrico.

Viaggiare elettrico significa meno emissioni di CO2, motori più silenziosi e agevolazioni fiscali per gli e-driver. Per le officine automobilistiche bisogna essere preparati alla riparazione e manutenzione dei veicoli elettrici. Ecco cosa devi considerare durante la configurazione dell’infrastruttura di ricarica e ti quale strada seguire per una soluzione economica per la tua officina.

La tua officina si occupa di e-mobility?

5 buoni motivi per espandere la tua infrastruttura di ricarica

Acquisire nuovi clienti, vantaggio competitivo, tutela dell’ambiente: ci sono molte ragioni per creare un’infrastruttura di ricarica della tua officina. Non sei ancora sicuro che ne valga la pena? Ti mostreremo i vantaggi di un’infrastruttura di ricarica ben sviluppata e ti spiegheremo perché prepararsi alla mobilità elettrica .
Un compito impegnativo la riparazione di tipi di veicoli elettrici.

1. Soddisfare i requisiti del produttore

Sai come riparare i veicoli elettronici? Hai anche tu gli strumenti necessari per questo? Per la manutenzione delle auto elettriche sono necessarie stazioni di ricarica e strumenti speciali. Se non hai le conoscenze adeguate e gli accessori giusti potresti non essere in grado di riparare le auto elettriche di alcuni produttori.

2. Aumenta l’interesse per l’elettrico

Molti conducenti esitano ad acquistare un’auto elettrica perché in Italia non ci sono infrastrutture ed officine specializzate. Con le stazioni di ricarica nella tua officina i veicoli elettrici diventano più interessanti per i clienti vicino a te.

3. Ottieni un vantaggio competitivo

Come officina con un’infrastruttura di ricarica ampliata, godrai di un grande vantaggio rispetto alle altre officine senza stazioni di ricarica. I conducenti di auto elettriche e coloro che vogliono diventarlo, in caso di dubbio, opteranno per un’officina con un’infrastruttura di ricarica.

4. Mantieni ed espandi la tua base di clienti

I tuoi clienti abituali includono conducenti diesel e benzina. Nei prossimi anni, sempre più conducenti passeranno ai veicoli elettrici. Con un’infrastruttura di ricarica adeguata, puoi anche attingere a questo gruppo di clienti .

5. Promuovere il contatto personale

Puoi attirare conducenti di auto elettriche nella tua officina con stazioni di ricarica pubbliche, usa il tempo di caricamento per le discussioni con i clienti esistenti e potenziali nuovi clienti della tua officina.

Come installare un’infrastruttura di ricarica per auto elettriche nella tua officina


Di quante e quali stazioni di ricarica ho bisogno? Quanto costerà? Ci sono alcune cose da considerare quando si espande l’ infrastruttura di ricarica. Facciamo qualche esempio:

Controlla l’infrastruttura

Il primo passo è dare un’occhiata più da vicino alla tua officina. Quanto spazio hai per le stazioni di ricarica? Dove sono i collegamenti di alimentazione? È inoltre importante comunicare con il fornitore di energia elettrica e controllare la tensione di rete. Essitono diveerse aziende che offrono il servizio di consulenza e installazione colonnine di ricarica: informati e trova il servizio per te!

Devi conoscere questi requisiti legali

Il parcheggio della tua officina è un “luogo privato aperto a tutti? Se sì, le stazioni di ricarica devono quindi essere conformi al Modo 3 della normativa internazionale IEC 61851-1, per assicurare la massima sicurezza ad utilizzatori e veicoli in ricarica. L’installazione della stazione di ricarica non richiede autorizzazioni o permessi da parte di Enti, se installato e gestito in autonomia dall’azienda.

Approfitta degli incentivi fiscali per colonnine di ricarica auto elettriche!

La detrazione fiscale per wall-box e stazioni di ricarica per auto elettriche arriva fino al 50%! Si può infatti recuperare il 50% della spesa sostenuta per un massimo di 3.000 €, da ripartire in 10 anni, per acquistare e installare una stazione di ricarica per veicoli elettrici.

Possono essere detratte le spese documentate e sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2024 che riguardano:

  • l’acquisto della stazione di ricarica
  • l’installazione della stazione di ricarica
  • l’aumento della potenza del contatore (fino a un massimo di 7 kW).

Le spese per l’acquisto e la posa in opera devono essere documentate e pagate tramite bonifico bancario o postale, ovvero con sistemi di pagamento previsti dall’art. 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Possono beneficiare della detrazione “i soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) e dell’imposta sul reddito delle società (IRES) che sostengono le spese per gli interventi agevolabili, se le spese siano rimaste a loro carico, e possiedono o detengono l’immobile o l’area in base ad un titolo idoneo”. Se l’acquisto e l’installazione avvengono congiuntamente a uno dei lavori che danno diritto al superbonus anche questa spesa può godere della detrazione del 110%. Informati su tutti gli incentivi per colonnine di ricarica auto elettriche!

Quali sono le migliori colonnine di ricarica per veicoli elettrici?

Confronta i modelli disponibili sul nostro Online-Shop e trova la miglior colonnina di ricarica per auto e veicoli elettrici.

Wallbox ricarica veicoli elettrici 9501 008 958
Cod. Art. 9501 008 958

Non solo colonnine: ad ognuno la sua soluzione di mobilità sostenibile

Oggi è possibile scegliere un’automobile smart nella vasta gamma di proposte che, ormai, tutte le case automobilistiche hanno. Ovviamente, a seconda della scelta, sarà necessario individuare se installare o meno una stazione di ricarica e, eventualmente, la tipologia che dovrà essere installata in casa o in ambiente semi-pubblico, definendo il fornitore di energia e, prima ancora, il partner per l’installazione stessa.

Ma facciamo un passo indietro e torniamo alla tipologia di auto smart e, quindi, alle modalità di alimentazione.

Automobili smart: cosa preferire per essere davvero “green”

Come anticipato, oggi sono tante le proposte per una mobilità sostenibile.

Le alternative a 0 impatto o a impatto altamente ridotto, almeno sulla carta, sono due: Full-electric e Plug-in hybrid.
Le prime sfruttano esclusivamente la propulsione elettrica per muoversi e, per questo, sono quelle che effettivamente ci assicurano un livello di emissioni di CO2 su strada ridotto al minimo.
Le altre, con due motori (uno elettrico e uno a combustione) che lavorano in sinergia, riduce moltissimo le emissioni di CO2 , con una versatilità tale da assicurarci le prestazioni su strada che desideriamo.

Le altre tipologie di vetture (Full Hybrid Electric e Mild Hybrid Electric) sfruttano ancora in parte la forza dei motori termici / a combustione che ci assicurano, comunque, una riduzione importante delle emissioni di CO2, ma a dei ritmi troppo lenti che non si sposano al meglio con le esigenze di sostenibilità ambientale cui siamo chiamati a rispondere.

Spine di ricarica: tipologie e varianti più diffuse

Come detto, acquistare un’automobile elettrica è solo il primo passo. Sarà necessario, dunque, a seconda della variante di presa di ricarica, individuare la giusta soluzione di installazione e il partner più adeguato, per evitare spiacevoli sorprese sia in termini di performance del veicolo che in termini di costi.

Parlando di prese di ricarica, anche in questo caso abbiamo più varianti.

cavi di ricarica elettrica auto
Codice art. 0510 650 225

Spine per corrente alternata

Consentono una ricarica fino a 43 kW e possono essere di Tipo 1 e Tipo 2.

Tipo 1 (prevalentemente diffusa nelle automobili provenienti da Asia e America):

  • potenza massima di ricarica 7,4 kW
  • corrente alternata monofase 32 A/230 V

Tipo 2 (trifase secondo standard europeo):

  • potenza massima di ricarica 43 kW nelle stazioni di ricarica pubbliche
  • potenza massima di ricarica 22 kW nelle reti domestiche

Spine per corrente continua

Consentono una ricarica veloce fino a 350 kW e possono essere di tipo CCS e CHAdeMO:

CCS: spina di ricarica Tipo 2, ma dotata di due contatti di potenza aggiuntivi per la ricarica in corrente alternata; si collega alle stazioni di ricarica veloce in corrente continua.

CHAdeMO: tecnologia giapponese per ricariche rapide; permette ricariche fino a 100 kW (la maggior parte delle stazioni europee arriva solo a 50 kW).

    Contattaci

    Hai bisogno di maggiori informazioni sui prodotti?
    Compila il form per essere ricontattato a breve da un referente Würth.

     

    [honeypot controllocitta-584]

    *campi obbligatori