Come utilizzare la schiuma poliuretanica per il montaggio delle porte e delle finestre?

Come montare il telaio per le porte?

Il telaio viene montato in base alle norme prescritte dal produttore, collocato nell’apertura praticata nel muro, centrato e fissato per mezzo di tenditori e cunei. I tenditori devono essere collocati all’altezza delle cerniere e della gaccia, in modo tale che il telaio della porta non si deformi a causa della pressione della schiuma. La larghezza del giunto, tra la parete ed il telaio, non dovrebbe superare i 20 mm. Le superfici delle zone nelle quali deve aderire la schiuma devono essere pulite, prive di particelle staccabili, olii e di agenti distaccanti. Nel caso in cui si utilizzino delle schiume monocomponenti si deve fare attenzione che vi sia a disposizione della reazione sufficiente di umidità. Nell’applicazione della schiuma monocomponente questa deve essere collocata nel giunto a forma di striscia o a serpentina al fine di facilitare il processo d’indurimento, evitando un’espansione ritardata della schiuma.

Nell’applicare dei cumuli puntiformi di schiuma vi è il pericolo che l’umidità non riesca a pervenire sino al centro e che quindi la schiuma possa indurire solo lentamente. In questi punti si può verificare un’epansione successiva. Ciò può portare all’impossibilità di chiudere le porte le quali poi richiedono un difficile lavoro di risistemazione. La superficie ricoperta dalla schiuma deve essere almeno pari o superiore al 35% della superficie della parete da incollare. Se il peso della porta supera 40 kg o le sue dimensioni sono superiori a 90 x 200 cm allora devono essere utilizzati degli ulteriori elementi di rinforzo come ad esempio delle viti. I tenditori non devono essere tolti prima di 6 – 10 ore.

Quali sono i passaggi?

1) PREPARAZIONE

 
Controllate la distanza tra muro e telaio. La distanza ottimale è di 1,5 – 2 cm e non deve superare in nessun caso i 3 cm. In caso di necessità si può ridurre la distanza tra muro e telaio introducendo uno spessore. Le superfici (fondo) devono essere prive di polvere, olio, grasso ecc. Rimuovere particelle di muratura stacca- bili. Inumidire sufficientemente le superfici con l’umidificatore Würth per schiuma PU prima dell’applicazione della schiuma, evitando però la formazione di gocce.
1 kg di schiuma necessita di ca. 32 g di acqua.

CON UMIDIFICAZIONE
SENZA UMIDIFICAZIONE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2) FISSAGGIO DEL TELAIO

 
Fissare il telaio in bolla applicando del- le zeppe. Per evitare deformazioni del telaio, bloccare la spinta della schiuma in espansione con tenditori Würth (Art. 0715 67 35) applicati all’altezza delle cerniere e della serratura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3) APPLICAZIONE DELLA SCHIUMA

La temperatura ambientale ottimale per la schiuma è da +15°C a +25°C. La temperatura ottimale della bombola è di ca. +20°C. Prima dell’uso agitare con la forza la bombola almeno per una ventina di volte. Applicare la schiuma all’altezza dei tenditori (posizione delle cerniere e della serratura).

IMPORTANTE: Un’applicazione eccessiva di schiuma prolunga i tempi d’indurimento e provoca un’espansione ritardata con conseguenti deformazioni nel telaio della porta.

 

 

 

TEMPI D’INDURIMENTO DELLA SCHIUMA POLIURETANICA MONOCOMPONENTE

I consigli tecnici riportati, pur basandosi sulla nostra migliore esperienza, sono da ritenersi, in ogni caso, puramente indicativi e devono essere confermati da esaurienti prove pratiche. Essi non dispensano quindi l’acquirente dalla propria responsabilità di provare personalmente i nostri prodotti per quanto concerne la loro idoneità relativa all’uso previsto.

 

 

Come montare il telaio per le finestre?

Nel montaggio del telaio per finestra la schiuma poliuretanica svolge un compito diverso rispetto al montaggio dei telai delle porte. In questo casi il prodotto serve solamente all’isolamento. Con l’applicazione della schiuma alle giunture della finestra viene realizzato un incollaggio della parete con la cornice della finestra e quindi viene rafforzata la stabilità della finestra, ma nel caso di incendio la giuntura potrebbe bruciare e quindi la finestra, priva di altri sostegni, cadrebbe.
La finestra viene posta nell’apertura del muro e fissata con i relativi ancoraggi alla parete. A tale proposito si devono tener presenti le istruzioni per il montaggio prescritte dal costruttore o le norme di montaggio dell’Istituto per la tecnica costruttiva delle finestre di Rosenheim.
Ciò vale in particolar modo per le finestre in PVC. A questo punto può essere applicata la schiuma. Dopo la solidificazione la schiuma in eccesso può essere rimossa per mezzo di un coltello. Il giunto che ne deriva viene quindi chiuso per mezzo di un sigillante elastico (p. es.: silicone) in modo tale da proteggere la schiuma da influenze ambientali come ad esempio i raggi ultravioletti. Le misurazioni sull’insonorizzazione di finestre nelle quali era stata collocata della schiuma di poliuretano hanno posto in evidenza, confrontate con finestre isolate con lana di vetro, un miglioramento di 4,1 dB.

1) INDICAZIONI GENERALI

 
Per non sporcare si consiglia di coprire la zona nella quale viene effettuato il lavoro con dei fogli di polietilene. Se nonostante tutte le precauzioni adottate nella fase di lavorazione con le schiume al poliuretano si causa dello sporco, questo deve essere eliminato con un apposito pulitore, quando si trova ancora allo stato non indurito. Nel caso di superfici critiche, come ad esempi quelle formate da materiali sintetici, il pulitore deve essere sperimentato prima in un punto non visibile. La schiuma solidificata può essere eliminata solo meccanicamente.

2) PREPARAZIONE

 
Dato che la schiuma di poliuretano deve creare il legame duratura tra la parete ed il telaio della porta i punti nei quali la schiuma deve aderire devono essere privi di polvere e di particelle staccabili. È necessario che vi sia una certa umidità nella parete.
Nel collocare il telaio nell’apertura della parete si possono verificare le dimensioni del giunto che deve essere riempita con la schiuma. Per ragioni di economicità, nel caso vi sia un giunto che superi i 25 – 30 mm, dovrebbe esservi collocata uno spessore in legno in modo tale che lo spazio rimanente da riempire non superi i 20 mm. grazie a questa misura potrete risparmiare schiuma e nel contempo ridurre i tempi d’indurimento dato che, quanto maggiore è il volume della schiuma tanto più lungo è il tempo d’indurimento. La temperatura del luogo in cui vengono compiuti i lavori non deve essere al di sotto di +5°C. Il materiale della bombola può essere lavorato a temperature comprese tra i +10°C ed i +35°C. Prima della lavorazione vera e propria la bombola deve essere agitata con forza per almeno 20 – 30 volte.

3) LAVORAZIONE

 
Collocare il telaio in posizione verti- cale, fissarlo alla parete e porre i tenditori all’altezza delle cerniere al fine di trattenere la pressione derivante dall’espansione della schiuma. Non tendere troppo i tenditori al fine di evitare deformazioni nel telaio. I tenditori non devono essere rimossi prima del giorno successivo. All’altezza dei tenditori applicare a seconda della larghezza del telaio, passando dall’interno verso l’esterno. Dopo la sua applicazione la schiuma inizia ad espandersi in tutte le direzioni, creando una giunzione tra il telaio della porta e la parete. Nel caso di normali giunti tra la parete ed il telaio d’indurimento della schiuma avviene nell’arco di una notte se vi è la presenza di sufficiente umidità. Nel caso di un cli- ma particolarmente secco può essere umidificata con una certa attenzione anche la schiuma in fase di espansione, questo al fine di accelerare l’indurimento. Durante l’intero periodo d’indurimento i tenditori devono rimanere nel telaio. In seguito può essere rimossa la schiuma in eccesso. Nel caso di un uso parsimonioso del prodotto, come si è descritto in precedenza, questo procedimento non sarà però necessario. La schiuma poliuretanica può essere pulita, tinteggiata o ricoperta con della tappezzeria. Mediante levigatura possono essere anche appianate eventuali irregolarità della superficie venutesi a creare in seguito al taglio della schiuma.

4) I SEGUENTI ERRORI D’APPLICAZIONE PROVOCANO UNA SUCCESSIVA ESPANSIONE NON DESIDERATA

 
– Togliere i tenditori prima che la schiuma sia definitivamente solidificata
– Riempire eccessivamente o giunti esistenti, una gran parte della schiuma viene comunque espulsa verso l’esterno e può essere poi rimossa dopo alcune ore. Questo spreco di materiale ritarda l’indurimento della schiuma e richiede quindi un periodo di fissaggio dei telai più lungo
– Immettere dell’altra schiuma in uno strato di schiuma già presente che si trovi nella fase d’indurimento. In questo modo si verifica un’eccessiva concentrazione di gas tra le cellule che con l’aumento della temperatura si espandono e con il freddo si ritirano nuovamente. Ciò può provocare delle dilatazioni sul telaio della porta.

SCOPRI TUTTE LE SCHIUME POLIURETANICHE WÜRTH

Potrebbe interessarti anche questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *